Lascia che ti faccia venire…

Lascia che ti faccia venire…

Ero nervoso. Quanti ragazzi di ventidue anni sarebbero nervosi all’idea di masturbarsi? Ma questo era diverso, mi era stato prescritto un test di fertilità da un medico, e ora mi trovavo nel suo studio, di fronte a un’infermiera matura molto attraente a cercare di dirle in termini medici che ero lì per entrare in una delle stanze sul retro e farmi una sega, probabilmente pensando a lei. Sono sempre stato attratto dalle donne mature, anche dalle donne più giovani, ma le donne mature hanno una certa bellezza tutta loro, e ho fissato il bel viso di questa infermiera, con delle minime rughe d’espressione intorno ai suoi grandi occhi marroni, la pelle abbronzata e i rigonfiamenti dei suoi seni… Mi resi conto che li stavo fissando, e i miei occhi tornarono sui suoi. Mi aveva decisamente beccato, ma aveva un sorriso ammiccante sul viso che mi diceva che non era troppo offesa.

Quindi, sì, sono qui per … per, uh …” Avevo completamente perso il filo dei miei pensieri.

Per il test di fertilità. Bene. Abbiamo bisogno di un campione di sperma …” Si girò sulla sedia e afferrò alcuni moduli e un barattolo di plastica. “… e il tuo nome e data di nascita. Ti porto in una stanza.

L’ho lasciata andare per prima, non solo perché non sapevo dove andare, ma perché non volevo che vedesse la rigidità che si alzava nei miei pantaloni dopo i pensieri che avevo avuto mentre fissavo il suo corpo. Mi trascinai dietro di lei, guardando il suo sedere tondo che spingeva le linee delle mutandine attraverso il suo camice mentre i suoi fianchi oscillavano avanti e indietro. Gesù, vorrei tanto vedere cosa c’è sotto quel camice. Nella stanza mi sono seduto sul tavolo da visita e lei ha preso una sedia, compilando le mie informazioni.

Ok, quindi ecco la coppa del campione, solo … beh … lo sai. Tu … ehm … hai bisogno di riviste o qualcosa del genere?

Ho fissato. “Hai delle riviste?

Penso di sì, di solito si. Vado a vedere, tu intanto spogliati…

Spogliarmi??

Sì, a volte dobbiamo preoccuparci che le fibre dei vestiti entrino nel campione, quindi ti chiediamo di spogliarti. Aprirò semplicemente la porta e ti passerò le riviste.

Se n’è andata e io non ho avuto altro da fare che infilarmi la camicia sopra la testa e togliermi le scarpe a calci. Mi stavo sbottonando i pantaloni quando la porta si è aperta.

Oh mi dispiace!

A dire il vero non sembrava molto dispiaciuta, ma avevo ancora gli slip, quindi non è stato così imbarazzante. L’infermiera chiuse la porta dietro di lei.

Mi dispiace davvero, penso che ci siamo sbarazzati delle riviste! Non abbiamo niente… è un problema per te?

Ero già duro, il mio cazzo si sforzava contro la cerniera, quindi borbottai qualcosa del tipo “Va bene, posso …

Riesci a pensare a qualcosa?

Il suo tono mi fece alzare lo sguardo e aveva lo stesso sorriso ammiccante di prima sulle labbra. Si mosse in avanti, i suoi deliziosi seni si avvicinavano sempre di più al mio viso.

Ho visto il modo in cui mi fissavi prima,” disse, la sua voce più bassa di prima. “Potevo praticamente sentirti scopare con gli occhi. So che non siamo riusciti a trovare nessuna rivista per te, ma …

Questo non stava accadendo. Questa infermiera non diceva queste cose. Il suo petto non era a pochi centimetri dal mio viso, le sue mani non stavano prendendo le mie, alzandomi …

Ero senza parole, ma lei si limitò a ridacchiare, gli occhi che si increspavano agli angoli, i denti bianchi che si stagliavano contro la sua pelle abbronzata.

Potrei mostrarti qualcosa di reale …” Le sue labbra arrivarono al mio orecchio, i suoi denti mi afferrarono delicatamente il lobo dell’orecchio, arrivarono fitte lungo la mia spina dorsale, la sua voce sussurrata mi fece diventare vuota la testa. “Ho sempre voluto farlo …

Le sue mani si sono mosse abilmente verso il basso sulla mia cerniera e in tre secondi i miei pantaloni erano alle caviglie. Era così vicina che la sua gamba sfiorava la mia erezione e potevo sentire alcune gocce già uscire dalla punta del mio pene. Allora fece un passo indietro e si tolse la camicia. Il modo in cui le sue tette sussultarono quando gettò il camice sul tavolo fu incredibile, erano grandi, rotonde, morbide, leggermente cascanti, ma non in modo negativo, i capezzoli più scuri si alzavano nella stanza fredda.

Vuoi di più?” chiese, con le mani che le sfioravano i seni sporgenti, le dita che giocavano distrattamente con i capezzoli. Ho solo deglutito e lei sapeva cosa volevo dire. Si voltò, abbassando lentamente i pantaloni mentre si chinava. Oh mio Dio, il suo culo era fantastico. Adoro i culi delle donne più grandi, le curve rotonde e voluttuose, le piccole pieghe sotto ogni guancia. Indossava boxer da uomo, che accentuavano ogni curva, e facevano alzare il mio cazzo ancora più dritto, spingendolo fuori contro i miei boxer.

Mmmm, guardati …” sussurrò.

Infilò la mano nell’armadio ed estrasse due guanti di plastica e, dopo qualche ricerca, una bottiglia di lubrificante dall’aspetto medico. Si è infilata i guanti, facendomi l’occhiolino.

Dobbiamo essere puliti … Guardati, è così difficile per me. Mmmm sei così sexy, un corpo così giovane …

Le sue mani correvano lungo il mio petto, sempre più vicine ai miei boxer. Poi erano sul pavimento, e lei era in ginocchio, i suoi occhi all’altezza del mio cazzo in piedi.

Oh, se potessi prenderti in bocca, vorrei … vorrei poterlo … Ma non preoccuparti, ti farò sentire altrettanto bene …” La sua voce roca era così sexy, ogni parola gocciolava di desiderio. Ero così eccitato, così forte, i muscoli del mio inguine pompavano per farmi gonfiare e pulsare come non ero mai stato. Si alzò, aprì la bottiglia del lubrificante e ne versò una generosa porzione su una mano. L’altra mise il barattolo del campione sul tavolo dietro di me.

Voltati … ti accarezzo direttamente sul barattolo.” Ero così scioccato che ha dovuto prendermi per le spalle e girarmi lei stessa. Premette il suo corpo contro il mio, i suoi capezzoli che tracciavano la mia schiena, i suoi fianchi che spingevano contro i miei. La sua pelle era calda contro la mia, la sua morbidezza accarezzava i muscoli della mia schiena. Le sue mani mi circondarono e lentamente le avvolse intorno al mio cazzo, guardandomi alle spalle e sussurrandomi all’orecchio.

Ohhh, sei così duro. Oh mio Dio, non posso credere quanto sia duro. Mmm, va bene? Ohhh, sì, lascia che ti accarezzi, lascia che ti faccia venire …” La mia erezione stava su entrambe le mani, il lubrificante la lasciava girare e accarezzare con un suono sciatto e rumoroso che diventava sempre più veloce man mano che aumentava il suo slancio. I suoi fianchi spingevano nei miei ad ogni colpo, guidandomi e stringendomi tra le sue mani come se fossero una fica, e si sentivano così bene, così bagnati, così morbidi che avrebbe potuto essere, per quanto ne sapevo. Strinse la presa fino a farmi quasi male, il dolore si mescolò al piacere dei movimenti di spremitura e torsione.

Oh sì, oh sì, dai, lascia che ti accarezzi, lascia che ti faccia sentire bene!” Le sue parole erano così calde, così sexy che tutto quello che potevo fare era gettare indietro la testa e gemere.

Non ancora, piccolo, non ancora, dobbiamo farti accumulare una buona sborra!” Ha smesso di accarezzare con entrambe le mani e invece ha spinto le dita di una nella base del mio albero, massaggiando leggermente, intrappolando il sangue nel mio cazzo in modo che cambiasse da rosso a viola. L’altra sua mano scivolò sulla mia punta, così bagnata e tesa, e fece brevi scatti torcenti sulla mia cappella già sensibile. Ansimai, e protestai all’indietro coi miei fianchi. Lei ridacchiò, amando quello che mi stava facendo, e mi spinse di nuovo a posto con i suoi fianchi, senza mai fermare la sua mano dal suo sfregamento circolare. Ogni volta che le sue dita strette scivolavano sulla cresta intorno alla testa del mio cazzo un’ondata di piacere esplodeva nella mia testa e il mio inguine si irrigidiva come se volesse spruzzare il mio sperma per tutta la stanza. Ero tra estasi e agonia, afferravo il tavolo e gemevo, le mie dita affondavano nell’imbottitura.

Le sue mani finalmente si fermarono, e l’una riprese il suo lungo e lento colpo mentre l’altra giocò con le mie palle, che erano strette contro di me, pronte a esplodere.

Ti piace, piccolo? Ti sto facendo sentire bene? Verrai per me? Posso farti venire?

Ho gemuto il più vicino possibile a un sì, e lei mi ha lasciato. Stavo per protestare, non potevo sopportare il pensiero delle sue mani che lasciavano il mio cazzo prima che potessi venire, ma non avrei dovuto preoccuparmi, le ha semplicemente lubrificate e avvolte di nuovo intorno al mio albero.

Tieni il barattolo!” mi ha ordinato.

Le sue mani lucide e guantate scivolavano su e giù, su e giù sul mio cazzo, i suoi fianchi dietro di me mi spingevano dentro ad ogni spinta, le sue braccia tenevano il mio busto in posizione mentre sentivo il mio orgasmo salire, il mio cazzo pulsava, si gonfiava e poi… quell’ultimo momento di non ritorno in cui gridava “Oh sì! Sì! Vieni per me baby! Dammi tutto, dai, vieni forte !!!

Ho dato un grande muggito e ho spinto il mio cazzo attraverso le sue mani morbide e lubrificate fino all’impugnatura, lo sperma che scorreva fuori dal mio cazzo duro e viola a spari spessi, metà nel barattolo, metà sulle sue mani. Stavo tremando, tremando, le mie ginocchia riuscivano a malapena a sostenere il mio peso, e lei mi stava mungendo le ultime gocce con colpi lisci e forti che mi facevano rabbrividire e tremare, ogni colpo portava più gocce di sperma nel barattolo e inviava elettricità dalla punta del mio cazzo alle radici dei miei capelli. Emise un suono di soddisfazione, le sue braccia ancora avvolte intorno a me, le sue mani che tenevano la mia erezione ancora infuriata. Tornai in me quando prese un asciugamano per pulirmi e avvitò il tappo al barattolo. Lo ha tenuto in alto, e sono rimasto stupito di vedere che ero riuscito a riempirlo quasi tutto con il mio sperma bianco appiccicoso. Mi appoggiai al tavolo, respirando affannosamente, mentre lei si rimetteva i boxer e il camice e raccoglieva i fogli.

È stato così bello, mi piace far sentire bene un ragazzo in questo modo. Ho bisogno di prenderlo da dietro …” Ha scarabocchiato il suo numero su un pezzo di carta, “Prendilo, e se hai bisogno di venire ancora….

Fece l’occhiolino e se ne andò, e io rimasi solo nella stanza, con la testa che ondeggiava, le ginocchia che tremavano …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.